Profilo utente Carrello Menu

Premio QDE

Correva l'anno 2005 e, con il patrocinio di ADI Design, nasceva il Premio Il Mosnel "Questione d'Etichetta".

L'obiettivo era quello di trovare una veste speciale per 300 Magnum numerati di Franciacorta Brut 1990, prodotto che per eccezionalità dell'annata, lunga maturazione in cantina e limitata quantità, era un'autentica rarità da collezione. Quella prima edizione vide la partecipazione dei grandi nomi del design (tra loro Giancarlo Illiprandi, Italo Lupi e l'indimenticato Bob Noorda) e sancì la vittoria di Franco Origoni e Anna Steiner. Nel 2008 la seconda edizione ripropose il fortunato format del debutto per vestire 360 Magnum di Franciacorta Brut 1998. Vennero coinvolti giovani designer già affermati e vinse l'Hangar Design Group di Alberto Bovo e Sandro Manente. Il 2010 segna l'anno della maturità e della crescita per il Premio il Mosnel QdE. Sempre con la collaborazione di ADI, abbiamo cercato l'etichetta e la confezione per il Franciacorta DOCG Pas Dosé Riserva 2004, prodotto questa volta in quantità maggiore e in due diversi formati. Il progetto vincente è quello di Francalma Nieddu dello Studio italo-tedesco ondesign.
Nel 2012 il nuovo Franciacorta Pas Dosé "Qde" Riserva 2006, grazie ancora al prestigioso patrocinio di ADI, trova la sua veste per le 4.000 bottiglie 0,75 litri, i 400 Magnum ed i 100 Jeroboam, tutti esemplari numerati. Un Franciacorta prezioso ed importante, frutto di un'eccellente annata e rimasto 5 anni in affinamento sui lieviti. A vincere è Laura Ferrario, che nel 2013 per il progetto QdE vince anche il Platinium A' Design Award per la sezione 'Grafica e Advertising Design'. Nel 2014 il protagonista della 5° edizione è stato il Pas Dosé "Qde" Riserva 2007. Per vestire la consueta tiratura limitata e numerata della cuvée con le preziose carte di Fedrigoni, prestigioso Partner di questa edizione, ADI ha invitato alla gara una selezione di giovani designer e creativi tra cui è spiccato il progetto dello Studio Intorno Design di Guido Lombardo, Linda Marchetti e Tommaso Salvatori.